La coppia EUR / USD potrebbe ritirarsi in base a IFO tedesco, dati sugli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti

La coppia EUR / USD potrebbe ritirarsi in base a IFO tedesco, dati sugli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti

Mentre l’indice del dollaro USA scende e il ritiro della coppia EUR / USD sta per riprendere, ho appena completato il rapporto mensile più recente del mio sistema di trading Forex EUR / USD. In questo rapporto, ti ho fornito un breve riassunto dei dati di questo mese ed è chiaro che il ritiro di maggio EUR / USD continuerà questo mese.

Questo mese, l’indice del dollaro USA è sceso di oltre il dieci percento e l’EUR / USD ha ripercorso tutti i guadagni ottenuti durante il suo rally di agosto. Questo movimento in EUR / USD è stato coerente. Questo è ovviamente un momento molto instabile per il mercato valutario e molti trader seguiranno da vicino per assicurarsi che la mossa non cambi in alcun modo la loro posizione.

L’USD sta mantenendo la sua forte presa e la forza della sua forte tenuta. Non è troppo tardi per provare a ristabilire alcuni guadagni e ti consiglio vivamente di iniziare subito a chiamare.

Nonostante le scarse notizie dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea, gli investitori si sono ritirati da altri paesi e i governi locali non hanno sofferto tanto quanto inizialmente previsto. È interessante notare che la Germania ha visto il ritorno del suo mercato azionario e, soprattutto, ha un surplus commerciale migliore rispetto alla fine dell’anno scorso. Ciò non mi sorprende, dal momento che la mia ricerca indica che l’economia tedesca sta attualmente mostrando una crescita a due cifre e continuerà quando entrerà in gioco il pacchetto di stimoli.

Alcuni degli altri sviluppi interessanti includono l’aumento delle scorte del settore sanitario. Questo è visto come il risultato delle preoccupazioni sorte dopo che l’American Health Care Act è stato ritirato dalla Camera dei Rappresentanti. Resta inteso che la proposta di legge sulla salute verrà ripristinata una volta risolti i problemi politici.

Qui possiamo vedere che il settore sanitario trarrà beneficio dall’incertezza e dall’aumento dei costi dell’assistenza sanitaria. Credo che ciò significhi che l’industria sanitaria dovrà continuare ad espandersi poiché ciò avrà un impatto notevole sui sistemi di assistenza sanitaria in tutto il mondo.

La forza dell’USD è in qualche modo ostacolata dal rapporto di lavoro debole pubblicato questa settimana dall’Ufficio di statistica del lavoro. L’aumento dei posti di lavoro creati è stato inferiore a quanto molti si aspettavano. Il tasso di disoccupazione è sceso al livello più basso in sette anni e questo è un buon segno.

Anche se non abbiamo ancora visto i dati sul lavoro di giugno e luglio, non vi è dubbio che il ritiro di maggio EUR / USD avrà vita breve e che l’USD salirà all’uscita di questo rapporto. Gli investitori stanno aspettando questo rapporto e presto capirai che il dollaro debole e il miglioramento del sentimento globale hanno catapultato la valuta verso il basso.

Se i rapporti sul PIL di giugno e luglio sono deboli, allora ci saranno pochissime ragioni per voler acquistare l’USD e la sua forza viene ostacolata anche dal rapporto di lavoro molto debole. Quello che sappiamo è che la sterlina si sta dirigendo verso la parità e questo dovrebbe essere previsto poiché la politica europea sta diventando sempre più instabile. Più debole è l’euro, più forte diventa la sterlina.

Si prevede che la BCE utilizzerà il suo programma di allentamento quantitativo al fine di aiutare l’euro in quanto considera un’alternativa alla fornitura di ulteriore liquidità alle obbligazioni europee. Ciò significa, tuttavia, che la Federal Reserve dovrà ricorrere al Quantitative Easing e molti vedono questo come la fine del dollaro. Questo non è ovviamente ciò che la BCE vuole in quanto l’USD si rafforza e declina nei confronti dell’Euro.

Le banche centrali di tutto il mondo stanno cercando modi per limitare gli effetti della deflazione sulle loro economie e questo sta già accadendo. I governi e le banche centrali stanno realizzando che il valore della loro valuta deve aumentare per compensare il calo dei prezzi e ciò non significa sempre il dollaro USA.

Possiamo aspettarci che l’euro subirà delle perdite e queste perdite saranno minime in quanto è già scambiato a un livello inferiore alla forza dell’USD in molte parti d’Europa. In effetti, è importante notare che le banche centrali in Europa stanno iniziando a rilasciare i loro programmi di QE, con qualche settimana di anticipo, perché riconoscono che hanno poco spazio di manovra e quindi l’euro cadrà quando la Fed inizierà ad alzare i tassi.